Recensione Samsung Galaxy A7 2018: il prezzo ci sta le prestazioni non tanto

Oggi la concorrenza, all’interno della fascia media del mercato, è molto accesa considerando la miriade di smartphone cinesi con specifiche top e prezzi bassi.

E Samsung lo sa molto bene viste le quote di mercato perse, dovute a OnePlus, huawei e Xiaomi. Questo è dovuto anche ad una politica di prezzi di listino troppo alti rispetto alle caratteristiche offerte, penso anche al Galaxy A8 2018 un bel prodotto ma 529 euro di listino non ci stavano proprio.

Samsung corregge il tiro sul prezzo di listino di questo Galaxy A7 2018 ma sarà all’altezza di questo segmento di mercato? Andiamolo ad analizzare all’interno della nostra recensione.

Design e Materiali: nulla di nuovo

Galaxy A7 2018 è uno smartphone molto leggero (168 grammi) considerando le dimensioni simili ad iPhone XS Max.

Il design riprende le linee della gamma Galaxy A, soprattutto per quanto riguarda il frontale con il noto infinity Display.

Le novità estetiche risiedono principalmente nella parte posteriore con il modulo fotografico decentralizzato  e spostato sulla sinistra, manca il classico scanner per le impronte digitali.

Ormai ci siamo abituati alla back cover in vetro, ma questo A7 è veramente molto scivoloso, proprio per questo vi consiglio di utilizzare una cover se non volere rischiare di vederlo scivolare su superfici non perfettamente piane, e l’utilizzo ad una sola mano non è il massimo.

Una novità importante è lo spostamento del sensore di impronte digitali all’interno del tasto di accensione una novità in casa Samsung. La velocità di azione non è il massimo ma riuscirete sempre a sbloccare il device. 

Non manca il classico sblocco tramite riconoscimento facciale che funziona abbastanza bene, anche con o senza occhiali, posizionando il dispositivo alla giusta angolazione dal volto. Ho notato che se siamo in movimento difficilmente riesce a riconoscerci peccato che anche con questo sistema di sblocco è presente un leggero ritardo tra il riconoscimento e lo sblocco effettivo del device.

La colorazione che abbiamo avuto in prova è quella blu e dona un bel look al device, il trattamento oleofobico non è il massimo viste le numerose ditate. Non mi è piaciuta la scelta di integrare un frame in plastica anche se la colorazione resta coordinata con la parte posteriore dando una sensazione di continuità.

Niente certificazione contro acqua e polvere ma soprattutto ancora una volta troviamo la porta microUSB. A questo punto rivolgo una domanda a Samsung: è così costoso integrare una porta USB-C su un dispositivo di fascia media a fine 2018? (Dite la vostra all’interno dei commenti)

Display

P1020419

Sul fronte display non ho proprio nulla da dire. Si tratta di un pannello da 6 pollici con una risoluzione Full HD. I colori sono ben riprodotti con, un’ottima gamma dinamica, neri assoluti e angoli di visuale prossimi ai 180°. I bianchi tendono un po all’azzurrino.

La visibilità sotto alla luce diretta del sole e buona, peccato che lo schermo è molto riflettente proprio per questo è un po scomodo da utilizzare all’aperto.

Non manca l’Always On Display, la possibilità di variare le temperatura colore come più preferiamo e l’attivazione del filtro luce blu per alleviare lo stress agli occhi quando usiamo il telefono durante la notte.

Hardware e Prestazioni

P1020380

Sotto alla scocca, Galaxy A7 è dotato di un chip Samsung Exynos 7 Octa 7885(architettura paragonabile al 636/600 di Snapdragon in termini di prestazioni) 4GB di memoria RAM e 64GB di storage con supporto alla microSD.

L’utilizzo quotidiano di questo smartphone non mi ha convinto particolarmente visto che le animazioni non sono molto fluide e applicazioni vengono aperte in qualche istante. Anche la tastiera presenta un leggero ritardo, dalla pressione del campo all’apparizione della tastiera. In questa settimana di utilizzo non mi sono mai sentito di utilizzare un dispositivo pronto all’uso ma c’è sempre bisogno di attendere qualche istante.

Preciso che ovviamente l’usabilità è buona ma è importante precisare che la velocità di reazione alle azioni non è il massimo, questo l’ho riscontrato anche nei giochi più pesanti come Real Recing e Asphalt 9.

Analizzando le temperature con la camera termica si raggiungono picchi intorno ai 40 gradi, con esecuzione di bencmark. Nell’utilizzo quotidiano la parte posteriore tende comunque a scaldare quando utilizziamo il device pesantemente passando da un applicazione all’altra e anche utilizzando la fotocamera. Un leggero thermal throttling comunque si nota nel quotidiano questo è anche un po la causa della non perfetta reattività del device.

Batteria, Audio e Ricezione

P1020401

La batteria è da 3,300 mAh in una giornata di pesante utilizzo si arrivano a toccare le quasi 5 ore di schermo attivo su 12 ore di utilizzo generale, un ottimo risultato direi. Con una giornata “normale” si raggiungono anche le 8 ore di schermo. Il caricabatterie, fornito in dotazione, è il classico  7,75 watt. Una ricarica completa impiega circa  2 ore e 20 minuti.

Per quanto riguarda l’audio è presente solo un  singolo altoparlante in basso, il volume è molto alto ma manca un po di corposità nel suono e nei bassi. Presente anche la funzione Dolby Atmos per migliorare la qualità sonora solo  tramite cuffie cablate o  bluetooth.

La qualità audio in chiamata e buona e anche per quanto riguarda la ricezione non ho nulla da segnalare.

Software:

P1020403

Anche su questo device troviamo la classica Samsung Experience con alcuni piccoli miglioramenti ma sempre basata su Android Oreo quasi sicuramente arriverà Android Pie ma resta comunque una nota negativa.

L’interfaccia Samsung la conosciamo ormai molto bene infatti non ci sono grandi stravolgimenti ma solo l’inserimento delle gesture per la navigazione all’interno dell’interfaccia. Personalmente non le ho trovate comodissime visto che non è presente nessun tipo di feedback, quando eseguiamo una gesture, e anche perché la porzione, dedicata ai tasti a display, resta inutilizzata.

Fotocamere:

Il punto focale di questo A7 2018 è senza dubbio il nuovo sistema di tripla fotocamera posteriore con tanto di obbiettivo grandangolare, che debutta proprio su questo device.

  • Fotocamera principale da 24 megapixel, obiettivo f / 1,7, lunghezza focale 27 mm
  • Fotocamera posteriore grandangolare da 8 megapixel, obiettivo f / 2.4, lunghezza focale 18 mm
  • Fotocamera posteriore Live Focus  da 5 megapixel, obiettivo f / 2.2
  • Fotocamera frontale da 24 megapixel con flash LED

Tralasciando tutti questi dati tecnici sul campo ho notato una qualità accettabile in condizioni di buona illuminazione con un buon bilanciamento del bianco

In condizioni di scarsa illuminazione si difende abbastanza bene anche se ho notato un leggero rumore in presenza di luci artificiali ma comunque la qualità generale è più elevata di altri smartphone della stessa fascia di prezzo.

La camera grandangolare offre sicuramente una prospettiva più ampia, anche se la qualità non è eccelsa visto, che in alcune foto, si nota un livello del dettaglio non al massimo. Inoltre, come tutte le ottiche grandangolari, si nota un po di distorsione ai lati.

La fotocamera dedicata all’effetto bokeh non mi sembra faccia molto visto che il risultato è pesantemente elaborato via software, per cui poco naturale anche se i soggetti vengono ben scontornati rispetto allo sfondo.

La camera frontale, invece, si comporta bene, con buona illuminazione. Inoltre è presenta anche il flash LED integrato che migliora molto i selfie serali.

Specifico che in modalità pro non è possibile andare a modificare tempi e otturatore, opzione disponibile anche in device di fascia più bassa.

Per quanto riguarda i video è possibile registrare solo a 1080 a 30fps. La qualità generale è buona e anche se l’assenza delle stabilizzazione ottica si sente. La messa a fuoco automatica è un po lenta ma affidabile. Preciso anche che altri dispositivi, della medesima fascia di prezzo supportano la registrazione in 4K. Inoltre non è possibile switchare dalla fotocamera principale alla grandangolare senza interrompere la registrazione. Anche la cattura dell’audio non è perfetta.

Voto Recensione

Design6.5
Display7
Materiali/Ergonomia6.5
Autonomia8
Fotocamere6
Esperienza Utente6.5
Qualità/Prezzo6

Pro

  • Display
  • Design
  • Durata della batteria
  • sensore di impronte

Contro

  • microUSB
  • apertura delle applicazioni e lag nelle animazioni
  • qualità fotografica non all'altezza
  • Nessun supporto video 4K
  • Ricarica lenta

Conclusioni

6.6Tirando un giudizio finale su questo smartphone ribadisco il prezzo sensato di lancio a 349 euro, che su Amazon diventa anche più basso. Insomma è un dispositivo che non mi ha entusiasmato particolarmente ma se non avete troppe pretese potrebbe fare al caso vostro. Il sensore di impronte laterale, non è velocissimo, ma funziona bene. Nulla da dire per quanto riguarda display, batteria, ricezione e qualità fotografica . Uno smartphone che ha tanti piccoli compromessi ma che potrebbe fare al caso vostro se non avete tante pretese.