Recensione Sony Xperia XZ2: il top di gamma al giusto prezzo!

25 aprile 2018 | recensioni
Resta aggiornato sugli ultimi video, recensioni e anteprime, di SmartphoneLab.it iscriviti al Canale Youtube!

Mentre mi trovo a provare questo XZ2 l’attenzione è rivolta principalmente ai nuovi P20 di Huawei a Galaxy S9+ ma anche ad altri top di gamma che usciranno a breve, penso a OnePlus 6 e LG G7 ThinQ.

Sostanzialmente questi sono i mesi più “caldi” per i top di gamma e ogni prodotto che ho citato integra le tre caratteristiche del momento: notch, dual cam e display 18:9 ma poi c’è sony che propone XZ2 e XZ2 Compact completamente in controtendenza con gli altri produttori ma adesso vi vado a spiegare i pro e i contro di questo XZ2 all’interno di questa recensione.

Design e Materiali : alternativo ma l’usabilità è pessima

Ok che sony sia fuori dai trand lo abbiamo capito ma il peso di questo XZ2 è importante  198 grammi considerate che è più pesante di un Note 8, che in dimensioni è decisamente più grande di questo XZ2.

Sony ha comunque ridotto di molto le cornici ma al momento non ci siamo ancora per la praticità di utilizzo visto che la back cover in vetro è convessa raggiunge gli 11.1 millimetri di spessore nella parte centrale. Secondo Sony questo dovrebbe facilitarne l’impugnatura, ma vista la presenza del vetro, il grip è scadente.


Utilizzarlo su superfici piane è scomodo visto che al primo tocco XZ2 inizia a ruotare come un frisbee anche solo per accendere lo schermo. Personalmente credo che questa soluzione di back cover convessa non mi ha convito.

Il sensore di impronte posteriore è stato posizionato troppo in basso ma sopratutto troppo a filo con la scocca inoltre due volte su tre si becca la fotocamera. Personalmente avrei preferito il classico sensore posto lateralmente nel tasto di accensione/spegnimento.

Display

IMG_1205

Bello il pannello di questo XZ2 con una buona luminosità, 615 nits, questo lo rende ben visibile sotto la luce diretta del sole. Il display è un Triluminos IPS LCD da 5.7 pollici in Full HD+ e tecnologia X-Reality per poter godere dell’HDR, come sui tv di casa Sony, questa tecnologia effettua un upscaling dei contenuti SDR, con colori e contrasti leggermente migliorati, in questi giorni di utilizzo non ho notato grandi miglioramenti rispetto ad altri display.

Gli angoli di visuale sono abbastanza buoni mentre i neri non sono molto profondi Il display supporta colori a 10-bit ed e certificato con lo standard BT.2020. Inoltre è possibile catturare contenuti 4K HDR con lo stesso device.

Hardware e Prestazioni: da top di gamma!

IMG_1208

XZ2 vante delle prestazioni senza compromessi vista la fluidità generale nell’utilizzo quotidiano in qualsiasi tipo di utilizzo, nell’apertura delle app, nel multitasking ma anche con applicazioni che richiedono un maggiore sforzo da un punto di vista di risorse prestazionali. L’utilizzo “sul campo” viene confermato anche dagli ottimi risultati dei benchmark.

La presenza dello Snapdragon 845 si va federe e anche i 4GB di memoria RAM vengono gestiti al meglio e bastano a far girare perfettamente questo smartphone.

Non sto qui a parlarvi della GPU Adreno 630 che riesce a farci godere di un esperienza di gioco al massimo livello.

Trovo molto interessante la presenza della vibrazione dinamica, in gaming, visto che simula la vibrazione dei nuovi controller per console, non a caso il dualshock di Sony è uno dei migliori controller per console. Questo rende ulteriormente più immersivo il gioco, anche se diventa fastidioso nella riproduzione dei video dopo qualche minuti.

Misurando le temperature, con la camera termica, si registrano picchi di 44 gradi sotto bencmarck con una conseguente degradamento della batteria,  il calore è percepibile anche al tatto. In condizioni, di normale utilizzo, non si percepisce un alzamento delle temperature a questo livello. Forse Sony avrebbe potuto migliorare il sistema di dissipazione del calore.

Autonomia, Audio e Ricezione:

IMG_1209

Una delle caratteristiche positive di questo XZ2 è l’autonomia, nonostante la grande potenza di calcolo. La batteria è una 3.180 mAh che ci permette di chiudere una giornata di utilizzo anche con un 25% di batteria residua.

Sony ha inoltre inserito una funzione che permette di aumentare la durata della batteria imparando dalle nostre abitudini. La funzione ricarica batteria rileva quando viene lasciato, il dispositivo, molto a lungo sotto carica e stima l’ora in cui scollegheremo il caricabatterie in questo modo, una volta raggiunto il 90%, il device ricaricherà l’ultimo 10% prima dell’ora stimata.

La presenza del doppio speaker fa la differenza. L’impatto visivo è importante, nella riproduzione di un contenuto multimediale,ma l’audio ne fa da cornice è rende il tutto ancora più appagante. Complimenti a Sony per la qualità eccellente, a volume massimo non si presentano distorsioni ma i bassi peccano un pò, da questo punto di vista S9 e S9+ sono un filo avanti.

Se utilizzate cuffie bluetooth o speaker esterni la qualità audio viene migliorata tramite le tecnologie High-Resolution Audio e LDAC. Niente da dire per quanto riguarda la ricezione visto che si comporta sempre in maniera egregia in tutte le condizioni anche il GPS non ha problemi.

Fotocamere:

IMG_1186

Quanto si parla di compatto fotografico Sony è il produttore per l’eccellenza non a caso la grande maggior parte dei sensori d’immagine sono prodotti dal colosso giapponese. Il sensore principale è un Motion Eye da 19 MP con apertura f 2.0 e sensore di spettro colore, ma senza stabilizzazione ottica, una scelta abbastanza anacronistica considerando che la concorrenza lo integra già da diversi anni.

La qualità fotografica è di ottima qualità in qualsiasi tipo di contesto con buona illuminazione. L’hdr si comporta molto bene come anche il contrasto e l’esposizione. La gamma cromatica è buona e anche l’effetto bokeh è abbastanza naturale anche se in alcuni casi si notano alcuni artefatti software e una non perfetta identificazione del soggetto e dello sfondo da sfocare.

In condizioni di scarsa illuminazione l’assenza della stabilizzazione si fa sentire in quanto si rischia di effettuare foto mosse inoltre l’apertura, non molto ampia, genera del rumore.


La fotocamera frontale fa un passo indietro in quanto si tratta di una 5 megapixel (ƒ/2.2). La qualità nel complesso è comunque accettabile.

Per quanto riguarda i video il comportamento è un pò strano, fino al 1080p la qualità è accettabile. Inoltre è possibile attivare l’HDR video che va a creare un bilanciamento dei colori in stile cinematografico, anche se con i 60fps si perde questa opzione. Salendo al 4k, nonostante la stabilizzazione elettronica SteadyShot faccia miracoli, ho notato una fluidità non al massimo e con qualche piccola perdita di frame rate. Inotre in alcuni casi si sono presentati dei crash dell’applicazione foto con tanto di richiesta di riavvio dello smartphone, speriamo che sony corregga questi bug con un aggiornamento software.

Buona la registrazione video in slow motion a 960fps. Con questo XZ2 è possibile girarli anche in Full HD, dimezzando però la loro durata. Condizione necessaria per una buona qualità e ovviamente un’ottima illuminazione ambientale, meglio quella solare che artificiale in quanto si crea il fastidioso effetto flickering.

 

Conclusioni

Con questo XZ2 sony ha fatto passi da gigante sotto molti punti di vista, ho molto apprezzato alcune nuove soluzioni come: HDR, il Super Slow Motion in full HD, la funzione di ricarica batteria ma sopratutto la grande ottimizzazione software che permette di gestire al meglio tutte le risorse della migliore piattaforma al momento presente sul mercato.

Purtroppo con questo Sony ci sono comunque dei compromessi di usabilità costruttiva. Se state cercando uno smartphone facile da maneggiare allora questo XZ2 non fa al caso vostro. C’è anche da dire che in un panorama di smartphone tutti identici questo sony si distingue tra tutti.

Il compatto fotografico è di buona qualità ma sony deve migliorarsi rapidamente considerando che la concorrenza continua a fare passi da gigante. Il prezzo di questo Sony Xperia XZ2 è di 799 euro, un prezzo di listino comunque più basso rispetto agli altri top di gamma.

  • Design - 6
    6
  • Display - 7,5
    7,5
  • Materiali - 7
    7
  • Ergonomia - 5
    5
  • Software - 7
    7
  • Fotocamera - 7
    7
  • Audio - 7,5
    7,5
  • Autonomia - 8
    8
  • Qualità/Prezzo - 7
    7
  • Esperienza Utente - 7,5
    7,5
Voto 8